Riavvio schedulato su Linux

Riavvio schedulato su Linux

di Aggiornato: 11 marzo 2018 0 commenti

Dopo aver visto come si schedula un riavvio in ambiente Windows, non può non mancare di spiegare come si riesca ad effettuare la medesima cosa in ambiente Linux.
Ovviamente qui siamo in linea di comando, e qui ci verrà in aiuto il  comando AT eseguito come utente root.  Quindi la prima cosa sarà indicare il comando at e l’orario in cui desideriamo poi attuare il comando. Scriviamo l’orario in notazione 24H, se ad esempio siamo alle 3 del pomeriggio e scriviamo le 06:55 la schedulazione andrà ad operare il giorno successivo. Se viceversa vogliamo che siano le 6 e 55 della sera, scriveremo 18:55.

Il comando in realtà accetta anche altre convenzioni, come ad esempio un ora da adesso sarà:


now + 1 hour

Oppure alle 6:55 fra due giorni


06:55 + 2 days

Possiamo anche indicare il prossimo giorno della settimana, ad esempio giovedì


06:55 Fri

Oppure a mezzanotte


midnight

Rimando al MAN di at per ulteriori espressioni.

Scelta l’ora, premiamo invio e ci troviamo dinnanzi ad una sub-console in cui veniamo avvertiti che i comandi saranno eseguiti in /bin/sh. Non ci resta che dare il nostro comando di reboot, che per convenienza sarà il classico shutdown -r now. Per completare l’operazione e schedulare il comando dovremo premere la combinazione di tasti CTRL+D.

Di seguito un esempio:


root@server~# sudo at 06:55
warning: commands will be executed using /bin/sh
at> shutdown -r now
at> 
job 1 at Fri Jun 10 06:55:00 2016

Bene ora abbiamo schedulato il nostro task con il riavvio, ma se volessimo vederlo? con il comando atq


atq
1 Fri Jun 10 06:55:00 2016 a root

Se invece abbiamo cambiato idea e desideriamo cancellarlo dobbiamo prendere nota del numerino progressivo (questo andrà ad aumentare ogni volta che andrete a dare il comando at), in questo caso 1,  e dare il comando atrm 1. In alternativa si può dare anche il comando più generico at -d.

Libri che ti consiglio

alcuni titoli che consiglio come manuali tecnici sull'argomento

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.