Python: f-string

Python: f-string

di Pubblicato: 23 Agosto 2020 0 commenti

In modo molto simile ad altri linguaggi di programmazione, anche in Python si possono inserire delle variabili all’interno di una stringa. Questo chiaramente ci permette di creare dei testi che possono cambiare in base a determinati eventi. Per arrivare a questo risultato ci possiamo avvalere delle f-string introdotte in Python 3.6.

Prendiamo questo esempio pratico:

mese = 'agosto'
stagione ='estiva'
x = f'siamo nel mese di {mese} e quindi nella stagione {stagione}'
print(x)
siamo nel mese di agosto e quindi nella stagione estiva

Come si può apprezzare abbiamo iniziato una nuova stringa anteponendo la lettera “f” prima degli apici di dichiarazione della stessa. Di fatto dichiarando una “f-string“. All’interno abbiamo richiamato le nostre variabili “classiche” inizializzate in precedenza, racchiudendole tra le parentesi graffe. In questo modo stampando la variabile “x” andiamo a compilare un testo che potrebbe essere modificando assegnando rispettivamente a mese e stagione nuovi oggetti.

E’ interessante notare che possiamo anche interagire con le variabili dentro le f-string, ad esempio in questo modo:

mese = 'agosto'
stagione ='estiva'
x = f'siamo nel mese di {mese.upper()} e quindi nella stagione {stagione}'
print(x)
siamo nel mese di AGOSTO e quindi nella stagione estiva

Come si vede abbiamo utilizzato la funzione upper per trasformare il testo da minuscolo in maiuscolo senza realmente creare un nuovo oggetto.

Casi d’uso tipici.

Uno dei casi d’uso tipici è quello in associazione a “logging” un pacchetto che permette di effettuare per l’appunto dei log apponendo degli stati, ad esempio critical o warning. Molto utile quando stiamo mandando in esecuzione uno script che poi vero-similmente dovrà girare da solo o comunque automatizzato. Attraverso i log sarà possibile capire meglio cosa sia successo perché andremo a gestire per nostro conto le eccezioni senza necessariamente demandarle a Python.

Conclusioni

L’utilizzo delle f-string è tra l’altro fortemente consigliato rispetto ai “vecchi” metodi perché queste sono più veloci nell’esecuzione e meno impattanti. Come detto all’inizio dell’articolo, si possono utilizzare solo dalla versione di Python 3.6 che è uscita nel dicembre del 2016.

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.