Ubuntu Server configurare Altiris Deployment Agent (RDeploy)

di Pubblicato: 29 dicembre 2010 Aggiornato: 5 novembre 2011 0 commenti

Recentemente ho avuto necessità di installare all’interno di vecchi Blade HP la versione Ubuntu 10.4 LTS. Eseguita l’installazione desideravo poter effettuare una immagine attraverso HP Rapid Deployment ( ovvero Symantec Altiris Deployment Solution ) versione 6.8, tuttavia il sistema operativo di Canonical non è ufficialmente supportato da questo programma. Quindi si è reso necessario trovare adeguato work-around che qui descriviamo.

Il primo step è quello di riuscire ad installare l’agente di Altiris, chiamato Adlagent. Generalmente da interfaccia di RDP si “inietta” l’applicativo fornendo le credenziali di accesso al sistema, nel nostro caso procederemo all’incontrario, ovvero da Ubuntu accederemo alla share del Rapid Deployment Server e avvieremo il programma di installazione dell’agente Altiris.

Dalla console di Ubuntu digitiamo quanto segue:

sudo mkdir /media/rdp
sudo mount -t cifs /192.168.1.1/eXpress /media/rdp -o username=administrator,password=myspass

Con questa operazione abbiamo montato la share remota (sostituite 192.168.1.1 con l’indirizzo IP del vostro Altiris Deployment Server e username e password di conseguenza) dove potremo facilmente accedere al programma binario di adlagent

cd /media/rdp
cd Agents/ADLAgent
cp altiris-adlagent-2.6-38.i386.bin /usr/local/share

La versione di altiris-adlagent potrebbe ovviamente differire, quindi va scelta quella appropriata. Ora abbiamo nel nostro sistema il file necessario per avviare l’installazione dell’agente.

sudo ./usr/local/share/altiris-adlagent-2.6-38.i386.bin

L’installazione dovrebbe procedere senza intoppi, e i file verranno posizionati nella cartella: /opt/altiris/deployment/adlagent quindi non resta che finalizzare la configurazione (ovvero indicare l’ip del server di deployment)

cd /opt/altiris/deployment/adlagent
sudo ./configure

L’applicativo vi porrà la seguente domanda:
Should the Altiris Deployment Agent use Multicast to connect with the Deployment Server? (Y/N) [Default=Y]
Nel mio caso, non utilizzando il multicast ma il TCP scelgo No a tale domanda, quindi semplicemente inserisco l’IP del server di deployment. Ora l’agente può essere avviato ( sudo ./adlagent ) e se non ci sono intoppi deve contattare il server e presentarsi come attivo nella GUI di Rapid Deployment. Tuttavia permane ancora un problema, nel caso di riavvio della macchina il programma non è residente nell’autorun del sistema. Ovvieremo a questo inconveniente come segue:

sudo cp debian.init /etc/init.d/adlagent
sudo chmod 755 /etc/init.d/adlagent
sudo update-rc.d /etc/init.d/adlagent default

Con le operazioni di cui sopra abbiamo copiato debian.init come file adlagent dentro la directory /etc/init.d che permette l’avvio dei programmi di sistema, quindi abbiamo reso eseguibile il file copiato, e con l’ultima operazione indicato di far partire adlagent all’avvio del sistema operativo.

Ora non ci resta che avviare una copia del nostro sistema operativo dalla GUI di HP Rapid Deployment, sfortunatamente la versione di Linux non supporta il booting automation, per cui abbiamo dovuto manualmente indicare al server di partire in modalità PXE (F12 quando richiesto).  Qui si è presentato un’altro problema, la versione di Altiris in nostro possesso non supporta Ext4, quindi mi ha restituito l’errore “RDeploy: the volume is invalid“. Siamo stati costretti quindi a creare il nostro job di altiris in modalità raw, inserendo nelle opzioni Additional Parameters il valore -raw

A questo punto ripetendo l’operazione l’immagine è stata correttamente catturata per un futuro riutilizzo come backup o deployment di altri Blade server.

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi