Linux Ubuntu: aggiungere un utente

di Pubblicato: 9 Dicembre 2018 0 commenti

useradd o adduser?

Tratto questo articolo in apparenza banale perché spesso si finisce con il far confusione con i comandi. Infatti almeno sotto le Debian e derivate come Ubuntu abbiamo due comandi in apparenza uguali che sono useradd e adduser.

In effetti assolvono allo stesso scopo entrambi, cioè quello di aggiungere un nuovo utente al sistema, ma lo fanno in modo differente. Il comando useradd è quello nativo binario compilato con il sistema e che si trova sostanzialmente in tutte le distribuzioni. L’altro, adduser, è invece un comando in perl, o meglio uno script in perl, che si appoggia ad useradd ma semplifica alcuni concetti, attraverso una sorta di wizard in bash.

Infatti per aggiungere un utente, attraverso useradd nomeutente  si crea  l’utente ma senza una serie di informazioni correlate, ad esempio se e quale tipo di bash utilizzare, se creare la home folder eccetera. Persino la password viene omessa. In pratica si crea un utente “vuoto” che molto probabilmente non è esattamente quello che ci interessava.

adduser nomeutente

Per contro adduser avvia uno script dove chiede subito la password e poi una serie di informazioni più o meno rilevanti. Ma sopratutto crea la home dell’utente e imposta la bash affinché quest’ultimo lo possa utilizzare.

Infatti al termine del wizard l’utente è pienamente operativo. L’unica cosa che manca è la possibilità di elevarsi a superutente. Per questo occorre utilizzare il comando usermod

usermod -aG sudo nomeutente

Applicato questo comando saremo tecnicamente amministratori di sistema, perché al comando sudo nome comando, oppure sudo su – verrà richiesta la password che ci eleva a root. E’ possibile anche fare in modo che allo specifico utente non venga richiesta questa seconda immissione della password, come descritto in questo articolo.

Libri che ti consiglio sull'argomento

Alcuni titoli che ho trovato utili come manuale tecnico per questo articolo

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.