Guida a JavaScript: Istruzione Return

Guida a JavaScript: Istruzione Return

di Pubblicato: 22 gennaio 2015 Aggiornato: 24 gennaio 2015 0 commenti

Negli articoli che ci hanno preceduto abbiamo visto il codice che nella sua funzione finale è stato rappresentato attraverso un pop-up azionato dalla funzione alert. Ovviamente JavaScript non si limita a sparare pop-up per altro piuttosto seccanti. Nel caso delle Funzioni esiste una parola riservata che ha il compito di restituire il frutto del lavoro svolto dalla funzione medesima. La parola è return e va inserita sempre per ultima all’interno delle funzioni, poiché eventuale codice dopo di esso verrà ignorato. Vediamo come nell’esempio dell’articolo sulle funzioni si può manipolare il codice (vedi qui il codice).

function animali(cane, gatto){
var mioPet = 'Il mio cane si chiama ' + cane + ' mentre il mio gatto si chiama ' + gatto;
return mioPet;
}
//posso anche scrivere in modo più ristretto
function animali(cane, gatto){
return 'Il mio cane si chiama ' + cane + ' mentre il mio gatto si chiama ' + gatto;
}

Come vedete, due modalità di scrivere che riportano poi lo stesso risultato. Come abbiamo già visto poi si dovrà valorizzare le variabili come di seguito nel corpo dell’HTML.

document.write(animali("Bau", "Miao"));

Conclusioni

La funzione Return che abbiamo visto non è molto probante dal punto di vista pratico poiché gli esempi sono semplici. Nella realtà con funzioni molto più lunghe e complesse invece è un passaggio obbligato.

Guida ai JavaScript - sommario

Ti è stato utile questo articolo?
Considera una piccola donazione: Bitcoin 35CGcJ2NzV9oUHmJwGzBp8QVRoWcaDdCiz oppure Paypal

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi