Apache: verificare i moduli caricati

Apache: verificare i moduli caricati

di Pubblicato: 18 dicembre 2017 0 commenti

Apache a volte può sembrare sfuggente nelle sue configuazioni. Esistono però tutta una serie di tool per la sua gestione, tra cui uno piuttosto interessante che risponde al nome di apachectl o apache2ctl a seconda della distribuzione Linux.

Questo comando permette di fare molte cose, ad esempio avviare, fermare o riavviare il webserver al posto del classico “service apache2 start/stop/restart”. Ha anche delle funzioni un po’ più evolute come ad esempio “graceful” e “graceful stop”, la prima è assimilabile ad un restart, la seconda ad uno stop, ma con una gestione delle connessioni attive che non vengono brutalmente chiuse.

Interessanti anche le funzioni di fullstatus e status. La prima mostra non solo le connessioni attive, ma anche sulle pagine ed eventuali script che sono in quel momento utilizzati. Oltre a questo un utile sommario del webserver, quali utilizzo di memoria e cpu, capienza massima utilizzata ed altre cose.

Quello che stranamente non è evidenziato nella man page, è che attraverso apachectl possiamo prendere visione dei moduli che sono stati caricati all’avvio. Può essere infatti necessario capire quali moduli il webserver ha in pancia e vedere se quello che ci interessa è tra questi. Il comando è piuttosto semplice.

apachectl -t -D DUMP_MODULES

Ci verrà ritornata la lista tipo questa:

Loaded Modules:
 core_module (static)
 so_module (static)
 watchdog_module (static)
 http_module (static)
 log_config_module (static)
 logio_module (static)
 version_module (static)
 unixd_module (static)
 alias_module (shared)
 deflate_module (shared)
 dir_module (shared)
 env_module (shared)
 expires_module (shared)
 filter_module (shared)
 mime_module (shared)
 php7_module (shared)
 rewrite_module (shared)
 setenvif_module (shared)
 ssl_module (shared)

Se desideriamo circoscrivere la ricerca, possiamo semplicemente appendere al comando di cui sopra la funzione | grep moduloDaCercare.

Come vedete è piuttosto semplice ottenere tali informazioni, e persino far evolvere la richiesta ad esempio passandole ad uno specifico script di shell.

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.